ARC
Architettura, Ricerca, Conservazione
Scala nella piazza di Polpenazze
Immagini di cantiere
  • 17173Totale visitatori:

Palco per spettacoli nel Castello di Portese (Bs)

Progetto di ristrutturazione della copertura palco per spettacoli nel Castello di Portese a San Felice del Benaco (Bs)

Committente: Comune di San Felice del Benaco
Periodo della prestazione: 2014
Edificio vincolato ai sensi del D.L.vo n. 42 del 2004

DESCRIZIONE DEL CONTESTO
Il castello di Portese appartiene alla serie di castelli recetto dislocati all’interno del territorio della Valtenesi. Da un punto di vista costruttivo l’edificio ha ormai perso tutte le caratteristiche militari e di difesa. Infatti il castello conserva una parte del mastio che si trova adiacente all’ingresso principale, una torre di difesa di forma semicircolare, sintomo di un adeguamento militare successivo all’edificazione del castello, e il perimetro murario che è stato mozzato e ricondotto al livello dell’attuale piano di calpestio. Le fosse attorno alle mura sono di proprietà privata ad eccezione del tratto verso sud percorsa da una strada pubblica.
Sullo stesso lato in adiacenza alle mura è collocato il monumento ai caduti protetto da un breve filare di cipressi.
Per accedere all’ingresso del castello in cui sono collocati degli immobili destinati a Centro anziani e, fino a pochi mesi fa, a biblioteca è stata costruita una rampa in pietra a cui si giunge superando un portale dipinto.
In anni recenti è stato realizzato un nuovo accesso dal piano stradale che attraversa una nuova galleria, illuminata da lastre di vetro poste a copertura, che conduce ad un ascensore che porta al piano superiore.

Osservando i catasti storici si nota come il perimetro del castello fosse ben delineato e distinguibile. Il recinto conteneva solamente la torre del Mastio cui, nella seconda metà del XIX secolo si è aggiunta una costruzione che costituisce l’attuale sede degli alpini e Centro Anziani.
Il palco attualmente presente è realizzato con struttura in ferro molto leggera. La copertura a due falde è in lamiera grecata fissata ad una capriata in ferro. Sul fronte, una serie di lamelle di legno scendono verticalmente a chiudere la copertura nella parte alta. Lateralmente sono presenti delle schermature con teli verdi. La parte a monte è rivolta verso le mura del castello e non presenta nessun tipo di schermatura.
La struttura poggia su un basamento in cemento rivestito con pietra e ciottoli alto circa 50 cm, superabile tramite tre scalini posti sul lato destro.
La struttura è particolarmente visibile per chi accede al terrapieno del castello, infatti terminata la salita delle scale e superata la porta d’ingresso, il palco si offre completamente alla vista. Tale posizione risulta essere favorevole se valutato il servizio per il quale è utilizzato.
Infatti, la posizione centrale rispetto al giardino del castello, permette di creare un’area per accogliere gli spettatori particolarmente ampia offrendo una visibilità complessiva.
Lo stato poco decoroso, pur soddisfacente alle esigenze funzionali, ha indotto alla valutazione di una possibile sostituzione della struttura precaria collocata in opera al fine di realizzare un elemento che nella sua modernità si collocasse in relazione con il contesto architettonico, caratterizzato dal nucleo antico del castello.

DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO
Il progetto prevede la realizzazione di una nuovo palco anch’esso al di sopra del basamento esistente.
La proposta prevede la posa di 4 portali in acciaio formati da putrelle saldate ad angolo. Le putrelle (HEA 200) sono incastrate a terra, tramite 4 tirafondi imbullonati su piastra quadrata in acciaio. Le strutture in acciaio saranno verniciate con tinta colore bruno (RAL-8004 marrone rame).
I quattro portali, collocati in successione sono chiusi lateralmente da tamponamenti in legno fonoassorbenti, a tutta altezza, necessari per contenere i rumori provenienti dall’esterno del palco, e permettere che il suono (durante gli spettacoli) vada verso la bocca frontistante gli spettatori.
I pannelli sono forati orizzontalmente atti a creare una sorta di brise soleil. Il fissaggio dei pannelli ai montanti avviene tramite degli elementi a C saldati alla struttura in ferro, all’interno dei quali è fatto scorrere il pannello.
Esternamente ai rivestimenti sono stati predisposti dei tiranti in acciaio atti ad agire da controvento nei confronti dei portali.
La copertura sommitale, contrariamente a quella esistente, è piana ed appesa ai traversi orizzontali tramite dei tiranti disposti diagonalmente.

Lavori | Palco di Portese

[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_20140516_170415.jpg]370
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_20140516_170418.jpg]300
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_20140516_170523.jpg]240
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_20140516_170939.jpg]220
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_20140516_170952.jpg]260
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_0841.jpg]240
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_0843.jpg]240
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_0844.jpg]220
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_0846.jpg]220
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_0927.jpg]210
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1104.jpg]190
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1105.jpg]200
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1106.jpg]200
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1107.jpg]210
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1108.jpg]230
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1110.jpg]230
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1121.jpg]250
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1122simula.jpg]230
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1124.jpg]210
[img src=http://www.architetturaarc.it/wordpress/wp-content/flagallery/lavori-palco-di-portese/thumbs/thumbs_img_1125.jpg]250

Il pacchetto “tetto” è costituito da due strati indipendenti. All’estradosso sarà collocata una struttura in metallo superiormente a forma grecata e dotata di pannellature isolanti acusticamente, così da evitare la dispersione del suono verso l’alto.
All’intradosso a distanza di circa 10/15 cm sarà collocata una sorta di struttura, fungente da controsoffitto, sorretta da correntini in alluminio che formano una sorta di intelaiatura o rete di metallo su cui sono appoggiate dei pannelli isolanti rigidi. I traversini saranno agganciati tramite bulloni alle mensole di ferro saltate alle putrelle, rivolte verso l’interno della struttura.
Il colore del tetto sarà anch’esso color rame mentre l’intradosso avrà tinta chiara (RAL-7038 grigio agata)
A chiudere e definire la copertura perimetralmente è stata collocata una cornice di rame.
Posteriormente il palco non sarà chiuso da strutture collegate ad esso, bensì sarà conservata la visione della muratura storica, pulita ad acqua a bassa pressione.
Il nuovo palco migliora sensibilmente il contesto storico in cui è inserito che, da un punto di vista paesistico mostra essere di alto. Come indicato in premessa la struttura è collocata all’interno del Castello di Portese, immobile vincolato anche monumentalmente. Per tale ragione, come si nota negli elaborati, si è evitato di poggiare il palco lungo il perimetro delle mura conservando sempre un certo distacco. Il materiale utilizzato (acciaio e legno) garantisce una indipendenza di linguaggio richiamando le scelte formali già positivamente utilizzate nella galleria citata.